Novità

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4

Dati statistici

1. Franco forte
Le misure adottate dalla Banca nazionale svizzera per limitare le oscillazioni del franco rispetto all’euro, in particolare la fissazione di un tasso di cambio minimo di 1.20 CHF, hanno permesso alla nostra valuta di stabilizzarsi a lungo termine a un livello elevato. È stato quindi deciso di abrogare la direttiva «Lavoro ridotto – franco forte» (033-Prassi LADI 2011/34) a partire dal 31.12.2013 e di sostituirla con la presente direttiva.
Le variazioni del tasso di cambio rientreranno nuovamente nella sfera normale del rischio aziendale ai sensi dell’art. 33 cpv. 1 lett. a LADI, secondo cui le perdite di lavoro dovute a questi rischi non sono computabili. Sono considerate «perdite di lavoro riconducibili alla sfera normale del rischio aziendale» le perdite di lavoro usuali che avvengono in modo regolare e ricorrente e che di conseguenza sono prevedibili e possono essere calcolate in anticipo dall’azienda. Di conseguenza, sono computabili solo nel caso in cui tali perdite assumono un carattere eccezionale (Circolare ILR D2 ss.).
2. Mancato rinnovo del prolungamento della durata massima in caso di ILR
Dal 31.12.2013 l’art. 57b OADI non sarà più in vigore. La durata massima in caso di ILR verrà dunque riportata a 12 periodi di conteggio (art. 35 cpv. 1 LADI) a partire dal 1.1.2014.
Per quanto riguarda le domande di ILR, i Cantoni faranno in modo che, nell’ambito del termine quadro in corso, dal 1.1.2014 il limite massimo di 12 periodi di conteggio non sia superato.
3. Periodo di attesa
Dal 1.1.2014, il periodo di attesa verrà riportato al periodo di attesa normale ai sensi dell’art. 50 cpv. 2 lett. a e b OADI, poiché l’art. 50 cpv. 3 OADI non trova più applicazione proprio da questa data. Le imprese, quindi, dovranno riprendere a carico 2 giorni di attesa per i primi sei periodi di conteggio e 3 giorni a partire dal settimo periodo.